Nuove Facebook Custom Audiences: tempo speso sul sito e engagement sui post

0
775

Un po’ di soppiatto e senza grossi annunci faraonici (il palcoscenico ieri è stato dedicato totalmente a Messenger) Facebook ha rilasciato per tutti gli advertiser nuove opzioni dedicate alle Custom Audiences, più precisamente una più indirizzata alla “qualità” del traffico che ricevete sul vostro sito e la seconda invece più legata all’engagement che riuscite a sviluppare sulla vostra pagina. Nel dettaglio:

Time spent on website

In affiancamento alle già presenti opzioni che permettono di targettizzare tutti gli utenti che hanno visto determinate pagine del vostro sito, l’opzione “Time spent” permette di indirizzare quegli utenti che rientrano tra i top 5%, 10% o 25% come visitatori più attivi. Se l’opzione può far storcere il naso, pensate al fatto che più un utente resta su una vostra pagina, più verosimilmente sarà propenso a effettuare un’azione. E immaginate solamente le possibilità che vi si apriranno quando il tempo speso potrà essere combinato con le opzioni già esistenti: targettizza tutti gli utenti che hanno speso un sacco di tempo sulla pagina di check-out senza completarlo e proponigli uno sconto. Boom. Conversioni che piovono dal cielo. Forse.

timespent

Engagement

No, purtroppo non potete ancora targettizzare tutte le persone che hanno messo like ad un vostro post o che hanno visualizzato una foto, ma poco ci manca. Questa opzione vi permetterà di targettizzare tutti quegli utenti che sono stati ingaggiati da uno dei vostri contenuti “avanzati”:

  • Video: in questo caso niente di nuovo sotto il sole. Potete mostrare un messaggio personalizzato a tutti gli utenti che hanno visto una certa porzione di video.
  • Lead Ad: potete targettizzare tutti gli utenti che hanno aperto il form, tutti quelli che l’hanno aperto ma non l’hanno compilato oppure tutti quelli che l’hanno aperto e compilato (questa ultima opzione semplicemente facilita quello che già fareste ovvero prendere il csv prodotto dal Lead Ad e schiaffarlo in una custom audience dedicata).
  • Canvas: potete targettizzare tutti gli utenti che hanno aperto un Canvas o tutti gli utenti che lo hanno aperto e hanno cliccato su un qualsiasi link al suo interno.

engagement

SHARE
Previous articleInstagram, addio alle mappe
Classe 1985, si occupa di Social Media per agenzie e aziende ormai da 6 anni. Laureato in Ingegneria, ha fatto dell’analisi dei dati le fondamenta del suo approccio al mondo del Marketing. Misurabilità, KPI e tracciabilità sono le sue parole d’ordine, Excel e Insight i suoi principali “tool” di lavoro. Quando non è impegnato dietro un computer, corre. Troppo.

NO COMMENTS

Rispondi