Uno degli aspetti più controversi del live broadcasting, è l’impossibilità di scegliere la propria audience per massimizzarne l’efficacia.

Da giovedì questo è finalmente possibile per i power users di Facebook Live. L’update, annunciato tramite un blog post su Facebook for developers, è disponibile solo per gli utenti che utilizzano le API (application programming interface) del social network per pubblicare i propri Live. Es. agenzie media, professionisti e Brand che utilizzano software di terze parti per girare e pubblicare i Live.

In poche parole, non i comuni mortali che pubblicano i Live attraverso l’app di Facebook.

L’audience può essere impostata secondo location (anche specifici CAP), fuso orario, età e genere: per la location, pare sia possibile inserire fino a un massimo di 25 Paesi da includere o escludere dalla propria audience; per le restrizioni di età, è possibile inserire un limite massimo o minimo di età (comunque non sotto ai 13 anni, per chiari limiti del Social Network).

Non è ancora chiaro se Facebook abbia intenzione di estendere la possibilità di modificare l’audience a tutti, ma non credo che i Live streamer della domenica ne sentiranno eventualmente la mancanza.

 

NO COMMENTS

Rispondi