Grande fermento in casa Zuckerberg attorno a quelle features su cui, durante l’ultimo F8, ha affermato di voler puntare per costruire il futuro di Facebook e non solo. Se di Facebook Live abbiamo parlato ampiamente, dei Messenger Bot decisamente meno, un po’ perché meno “visibili”, un po’ anche perché in questo momento ci stanno puntando pochissimi brand (KLM escluso che, vabbè, sono avanti 100 anni), ritengo a causa di una difficile comprensione del fenomeno e una ancora più difficile integrazione con i sistemi aziendali che possa essere coerente e funzionale. E un po’ anche perché, come scrive il buon Fabio, sviluppare un Bot richiede un set completamente nuovo di competenze, dalla conoscenza dell'”intelligenza artificiale” (con tutte le virgolette del caso) a qualcosa di più estremo come le Conversational User Interface, l’accezione moderna delle GUI.

il linguaggio diviene l’interfaccia

Durante questo weekend è stata aggiornata la Facebook Messenger Platform e sono state aggiunte diverse possibilità in più per quegli sviluppatori che si vogliono divertire con i Bot. In sintesi (a me impressiona particolarmente il tema dell'”Account Linking”):

  • Quick Replies: è possibile aggiungere fino ad un massimo di dieci risposte preimpostate che facilitano l’interazione con i bot e che soprattutto riescono a dare un’idea molto più precisa rispetto a cosa aspettarsi dalla conversazione con un essere non esattamente senziente.

03-quick-replies1

  • Persistent Menu: anche in questo caso, per facilitare l’interazione è stato aggiunto un menu che ci consente di non dover ricordare a memoria tutte le funzionalità messe a disposizione di ogni singolo bot. Un “tasto scelta rapida”, per capirci.

04-structured-menu1

  • GIF, Audio, Video e File: rendete molto più “personale” il vostro bot con la possibilità di inviare non solamente testo ma qualsiasi cosa creativa possa venirvi in mente. GIF animate, audio, video e non solo: potrete inviare ai vostri utenti anche dei file (e mi vengono in mente milioni di azioni possibili).

05-giphy-final_updated1

  • Account Linking: Facebook ha messo a disposizione un protocollo sicuro per permettere agli utenti di poter legare il proprio account Messenger a quello dei brand così da consentire un’interazione decisamente più personale rispetto ad una conversazione che, per quanto “personale”, al bot risulta fino ad oggi completamente anonima.

02-account-linking_final_updated2

  • Manage, Mute, Rating: sono stati aggiunti alcuni controlli che aumentano la possibilità di gestire i bot da parte degli utenti, in particolare da oggi sarà possibile mettere in “muto” i bot, così come facciamo con i nostri amici, e lasciare una recensione al bot. In questa prima fase i feedback saranno condivisi solamente con gli sviluppatori dei bot, ma un domani chissà, potrebbero essere resi pubblici.

01-leave-feedback1

NO COMMENTS

Rispondi