[image type=”none” float=”none” target=”blank” info=”tooltip” info_place=”right” info_trigger=”hover” src=”9″ href=”http://aprilzero.com/” info_content=”Prova”][text_output][dropcap]I[/dropcap]l diffondersi di applicazioni e siti internet in grado di tracciare le nostre abitudini più o meno quotidiane – dal quanto mangiamo al quanto corriamo, passando per geolocalizzazioni varie ed eventuali – sta dando vita a esperimenti veramente interessanti che, partendo dai dati messi a disposizione, creano dashboard avveniristiche.

Quando Anand Sharma è incappato in Moves probabilmente ha visto la luce: Aprilzero è il data tracking portato all’estremo. Dopo essersi scansionato per 104 giorni, aver viaggiato per 60 città, aggiunto più di 1.280 set di dati, il sito è nato e il risultato è a dir poco spettacolare.[/text_output][line][image type=”none” float=”none” info=”none” info_place=”top” info_trigger=”hover” src=”16″][text_output]Al di là di una homepage alla “Tony Stark”, sono poi le sezioni interne che fanno veramente la differenza:

  • Nella sezione Sport sono raccolte tutte le attività fisiche, dalla corsa ai battiti cardiaci, dalle analisi del sangue a dati più classici come il peso o la massa grassa.
  • Nella sezione Explorer invece troviamo tutte le peripezie di Adam in giro per il mondo, tutto – ovviamente – perfettamente integrato.

[/text_output][image type=”none” float=”none” info=”none” info_place=”top” info_trigger=”hover” src=”18″]

SHARE
Next articleSocial Login Data: Facebook continua a crescere
Classe 1985, si occupa di Social Media per agenzie e aziende ormai da 6 anni. Laureato in Ingegneria, ha fatto dell’analisi dei dati le fondamenta del suo approccio al mondo del Marketing. Misurabilità, KPI e tracciabilità sono le sue parole d’ordine, Excel e Insight i suoi principali “tool” di lavoro. Quando non è impegnato dietro un computer, corre. Troppo.

NO COMMENTS

Rispondi